Benvenuto nello spazio di Fondazione NUSA, punto di riferimento per l’informazione e la formazione dei Medici di Medicina Generale riguardo le patologie allergiche.

Contesto e obiettivi

Negli ultimi anni, la malattia allergica è diventata una patologia sempre più rilevante, con un sensibile aumento dei soggetti sensibilizzati alle numerose fonti allergeniche e dei sintomi clinici che coinvolgono gli apparati respiratorio, gastroenterico e cutaneo.

Per affrontare nel modo più appropriato questa patologia, è sempre più necessaria una stretta collaborazione tra Medico di Medicina Generale e Specialista Allergologo, al fine di migliorare l’approccio del Medico di Medicina Generale verso i pazienti con sintomatologia allergica respiratoria o gastroenterica.

Fondazione NUSA, nella sua veste di promotrice del diritto alla tutela della salute, ha dato luce ad un progetto di Orientamento Diagnostico in Ambito Allergologico, ponendosi i seguenti obiettivi:

    • condivisione con la Medicina Specialistica dei percorsi comuni di approccio diagnostico alle allergie;
    • sensibilizzazione del Medico di Medicina Generale sull’importanza di una diagnosi precoce nell’ambito delle patologie allergiche;
    • miglioramento delle conoscenze complessive in ambito allergologico per una migliore appropriatezza delle prescrizioni diagnostiche;
    • fornitura degli strumenti diagnostici accurati dirimenti, anche attraverso supporti informatici.

Conosciamo meglio le patologie allergiche

L’allergia è una risposta del sistema immunitario a sostanze normalmente innocue come pollini, alimenti e acari della polvere, chiamate allergeni. Per la maggior parte della persone, tali allergeni non pongono alcun problema, ma negli individui allergici, questi vengono identificati dal sistema immunitario come una minaccia, che ha di conseguenza una reazione eccessiva.

Per quanto riguarda l’allergia respiratoria, i dati confermano che lasma colpisce circa 300 milioni di persone in tutto il mondo e che le allergie provocano fino al 90% dei casi di esacerbazione dell asma nei bambini e fino al 60% dei casi negli adulti affetti da asma.

Si stima, inoltre, che in tutto il mondo ben 520 milioni di persone soffrano di allergie alimentari, di cui 1.800.000 persone in Italia, e che circa il 40% dei neonati e dei bambini piccoli affetti da eczema soffrano di allergie alimentari: uova di gallina, latte vaccino, soia e frumento rappresentano il 90% degli alimenti allergenici.

Per approfondimenti sulle patologie allergiche, consulti questo link.

Perché eseguire un test allergico?

La maggior parte degli individui atopici è allergica a più di un allergene; è quindi fondamentale identificare tutti gli allergeni che contribuiscono all’insorgere dei sintomi, in modo da assicurare una corretta gestione del paziente.

Se l anamnesi del paziente suggerisce l’esistenza di un’allergia, potrà prescrivere, con i Nuovi LEA, una richiesta di test in vitro per le IgE Specifiche, eseguibile su qualsiasi paziente indipendentemente dalletà, dalle condizioni cutanee e dai medicinali assunti, che l’aiuterà a differenziare tra sintomi simili presenti sia in condizioni di patologia allergica che non allergica.

L’eventuale positività dei risultati dei test in vitro, valutata congiuntamente alla storia clinica, Le indicherà una sensibilizzazione verso l’allergene testato.

La combinazione di storia clinica e test in vitro delle IgE Specifiche, infatti, aumenta significativamente il numero di pazienti con una diagnosi corretta (dal 54% fino all’87%).

Suggerisca, quindi, al suo paziente di recarsi immediatamente da uno Specialista Allergologo, che avrà la possibilità di eseguire ulteriori indagini diagnostiche per confermare o meno l attuale sospetto di allergia.

Per approfondimenti sui test in vitro delle IgE Specifiche, consulti questo link.

I Nuovi LEA 2017

Grazie all’introduzione dei Nuovi LEA (Livelli Essenziali di Assistenza), come accennato, entrati in vigore il 19/3/2017, il Medico di Medicina Generale ed il Pediatra di Libera Scelta possono prescrivere il dosaggio delle IgE Specifiche sieriche (RAST) richiedendo un pannello di 8 allergeni inalanti e un pannello di 8 allergeni alimentari, senza alcuna restrizione di erogabilità, secondo il principio dell’appropriatezza prescrittiva.

Pannelli per il dosaggio delle IgE Specifiche sieriche

Per approfondimenti sui Nuovi LEA, consulti questo link.

Nell’ambito dei criteri di Appropriatezza prescrittiva e della Buona Pratica Medica, quindi, la figura del Medico di Medicina Generale riveste un ruolo essenziale nella fase diagnostica, definendo il corretto approccio diagnostico del paziente con sintomi riconducibili alla patologia allergica, confermandola o escludendola, al fine di identificare precocemente il percorso ottimale che il paziente dovrà seguire.

L’introduzione nella fase diagnostica di pannelli di allergeni selezionati, suddivisi per quadro clinico inalatorio o alimentare, e condivisi con lo Specialista Allergologo, facilita il lavoro del Medico di Medicina Generale nell’ottica dell’appropriatezza diagnostica.

Gli strumenti a Sua disposizione

Attraverso l’introduzione dei seguenti strumenti diagnostici nella pratica clinica quotidiana, si supporta la collaborazione di fondamentale importanza tra il Medico di Medicina Generale e lo Specialista Allergologo.

Algoritmi diagnostici

Si propongono degli algoritmi diagnostici decisionali sulla piattaforma NetMedica Italia, di semplice applicazione e utilizzabili anche in formato elettronico, come strumento a supporto e orientamento del processo decisionale in medicina generale per la diagnosi del paziente con sintomatologia simil-allergica.

All’apertura della piattaforma, Le sarà sufficiente selezionare un sintomo (ad es. rino-congiuntivite, asma bronchiale, nausea, etc.) per ottenere lelenco dei test suggeriti ai quali sottoporre il Suo paziente. Registrandosi sul sito, potrà inoltre visionare l’anagrafica completa e la storia clinica del paziente.

Materiali didattici

 

In questa sezione sono disponibili #10 video pillole contenenti i punti salienti e i take home messages emersi durante le presentazioni tenutesi in occasione degli eventi di seguito elencati.

Dott. Fulvio Bonetti MMG Barlassina (MB)  
1) I Nuovi LEA: cosa è cambiato per la diagnostica allergologica

Dott.ssa Eleonora Savi U.O.D. Allergy Hospital Guglielmo da Saliceto di Piacenza (PC)
2) La Diagnostica Allergologica: strumenti diagnostici per gli MMG alla luce dei LEA 2017

Dott.ssa Eleonora Savi U.O.D. Allergy Hospital Guglielmo da Saliceto di Piacenza (PC)
3) La Diagnostica Allergologica: pannello di allergeni inalanti (prima parte)

Dott.ssa Eleonora Savi U.O.D. Allergy Hospital Guglielmo da Saliceto di Piacenza (PC)
4) La Diagnostica Allergologica: pannello di allergeni inalanti (seconda parte)

Dott.ssa Eleonora Savi U.O.D. Allergy Hospital Guglielmo da Saliceto di Piacenza (PC)
5) La Diagnostica Allergologica: pannello di allergeni alimentari (prima parte)

Dott.ssa Eleonora Savi U.O.D. Allergy Hospital Guglielmo da Saliceto di Piacenza (PC)
6) La Diagnostica Allergologica: pannello di allergeni alimentari (seconda parte)

Dott.ssa Eleonora Savi U.O.D. Allergy Hospital Guglielmo da Saliceto di Piacenza (PC)
7) La Diagnostica Allergologica: intolleranze alimentari e test non validati scientificamente

Dott. Fulvio Bonetti MMG Barlassina (MB)  
8) Problematica allergologica nello studio del MMG: implementazione nella pratica clinica di pannelli con allergeni selezionati

Dott. Fulvio Bonetti MMG Barlassina (MB)  
9) Problematica allergologica nello studio del MMG: il percorso di diagnosi del MMG

Dott. Fulvio Bonetti MMG Barlassina (MB)
10) Problematica allergologica nello studio del MMG: il supporto informatico tramite un algoritmo decisionale

Eventi

In occasione dei seguenti incontri, si è condiviso l’approccio diagnostico per il paziente con sintomatologia riconducibile alla patologia allergica tra Medico di Medicina Generale e Specialista Allergologo:

Piacenza, sabato 10 febbraio 2018 – Accreditato ECM

“Un approccio razionale per lo sviluppo della diagnostica nel paziente con sintomatologia respiratoria o gastroenterica”

Programma dell’incontro

Brescia, sabato 17 febbraio 2018

Riconoscere o escludere la Patologia allergica attraverso l’utilizzo di un Algoritmo di appropriatezza

Programma dell’incontro

Bergamo, sabato 24 marzo 2018

Riconoscere o escludere la Patologia allergica attraverso l’utilizzo di un Algoritmo di appropriatezza

Programma dell’incontro

Newsletter

Scopra la raccolta delle Newsletter informative scientifiche sul tema dell’allergia respiratoria ed alimentare:

    1. Lasma causa ancora vittime: esiste un modo per evitare le esacerbazioni?
    2. Scopra una serie di 4 riassunti per saperne di più sulle allergie
    3. Scopri il nesso: allergeni, trigger virali e asma acuta
    4. Il test in vitro più appropriato per aiutarla a diagnosticare la malattia allergica è quello delle IgE Specifiche
    5. Come e perché identificare l’allergia nell’asma

Se è interessato a ricevere le newsletter mensili, si iscriva cliccando sul pulsante verde “Newsletter”.

ARTICOLI SCIENTIFICI SULLE ALLERGIE RESPIRATORIE E ALIMENTARI

In questa sezione vengono pubblicati mensilmente degli articoli scientifici sulla diagnosi delle allergie respiratorie e alimentari, con i relativi riferimenti bibliografici, oltre a suggerimenti da poter adottare nella pratica clinica quotidiana.

1. Allergia Sì o No? Focus sull'Asma


Consiglierebbe questo contenuto?

Vota questo contenuto

Per favore, selezioni un’opzione
Grazie per la Sua risposta

Interessato al nostro Allergy/Autoimmunity Education?

Inviando questo modulo, acconsente alla raccolta e al trattamento dei Suoi dati personali da parte di Thermo Fisher Scientific.

Desideriamo informarLa inoltre che la gestione dei dati personali è effettuata mediante l'utilizzo del database sindacato OpenData operato da Veeva Systems Inc., per assicurare che le informazioni di contatto siano sempre aggiornate. Per questo motivo gli utenti del database OpenData potrebbero avere accesso alle Sue informazioni personali (generalità, professione, titolo di studio, indirizzo); qualora un utente segnalasse una variazione di questi dati, la stessa sarà condivisa con OpenData per garantire la correttezza delle informazioni disponibili nel database. I relativi server di Veeva Systems Inc. sono situati nell'Unione Europea.
Per chiarimenti o domande sul trattamento dei dati, o per esercitare i Suoi diritti contenuti nella nostra Informativa sulla Privacy, la preghiamo di contattarci alla casella di posta elettronica: dataprivacy@thermofisher.com

I tuoi dati sono stati inviati con successo.